LA NOSTRA STORIA

Linea Rosa nasce nel 1991, prima come telefono di ascolto e poi come Centro di Prima Accoglienza e nel corso degli anni ha raggiunto importanti tappe e traguardi che hanno portato all'ampliamento dei servizi offerti e al raggiungimento di obiettivi importanti in riferimento al sostegno e alla lotta alla violenza di genere. 

Nel 1998 è stata redatta la prima convenzione con il Consorzio Servizi Sociali per la gestione di una Casa Rifugio, mentre nel 2000 è stata redatta una ulteriore convenzione con il Comune di Ravenna per la gestione del Centro di Prima Accoglienza e della Casa Rifugio ad indirizzo segreto. 

Oltre ad essere attiva a Ravenna, Linea Rosa ha realizzato una convezione nel 2001 con l’Amministrazione comunale di Russi per la gestione del Centro di Prima Accoglienza proprio nel Comune di Russi.

Essendosi ampliate nel tempo le competenze e le necessità del servizio, un'unica Casa Rifugio non risultava essere più sufficiente a fornire ospitalità al numero crescente di donne che vi si rivolgevano, perciò nel 2004, nasce una seconda casa ad indirizzo segreto, denominata Casa Dafne, volta ad ospitare donne vittime di violenza e i propri figli minori e successivamente, nel 2006, è stata stipulata una convezione con il Comune di Ravenna per la gestione di tali servizi. 

Nel 2007 le abitazioni ad indirizzo segreto a gestione di Linea Rosa diventano tre, nasce così la Casa Melograno; oltre ad aumentare la capienza e la disponibilità di accoglienza in case protette alle donne del Comune di Ravenna, la fondazione della Casa Melograno ha permesso inoltre di poter far sì che donne residenti in altri comuni della regione Emilia-Romagna, potessero usufruire del servizio abitativo protetto e gratuito, anche al di fuori del proprio comune di residenza.

Oltre alle sedi di Ravenna e Russi, Linea Rosa è attiva anche sul territorio di Cervia: nel 2009 è stata redatta una convenzione con il Comune di Cervia per la gestione del Centro di Prima Accoglienza cervese; successivamente, nel 2014, è stata redatta una ulteriore convenzione con il suddetto comune, tale per cui è stata destinata alla gestione di Linea Rosa una abitazione sottratta a possedimenti mafiosi locata nel Comune di Cervia. Ad oggi quindi l'Associazione gestisce complessivamente, oltre al Centro di Prima Accoglienza, anche quattro abitazioni ad indirizzo segreto e protette. 

 

 

LA STRUTTURA DI LINEA ROSA

Linea Rosa è un'organizzazione di volontariato, organizzata strutturalmente in:

-Consiglio direttivo

-Presidente

-Assemblea socie

-Socie attive

-Socie sostenitrici

-Operatrici

LA CARTA DEI SERVIZI

I centri antiviolenza in Italia sono nati grazie al lavoro del movimento femminile che ha permesso alle donne di prendere la parola su corpi, sessualità, relazioni con gli uomini e quindi, di conseguenza, sulle violenze e gli stupri subiti in famiglia, oltre che nei contesti amicali e lavorativi.

 

Linea Rosa è nata nel 1991, quando i centri erano ancora pochi e alle prime armi nell'accoglienza e ha fatto parte da subito della Rete dei Centri antiviolenza. Una Rete informale, costruita sugli scambi, un'esperienza che man mano cresceva e che ha permesso alle socie e volontarie dell’associazione di confrontarsi e crescere.

Una svolta notevole è avvenuta il 21 gennaio 2006, quando è stata siglata a Roma da parte di 56 Centri antiviolenza autonomi, la Carta dei centri antiviolenza, al fine di dotarsi di valori comuni sulla base dei quali orientare il proprio operato. La Carta si riferisce ad alcuni dei principi che identificano l'identità e la metodologia dei Centri, tra i quali: il considerare la violenza maschile alle donne come un fenomeno che ha radici nella disparità di potere tra i sessi; che i Centri sono costituiti e gestiti solo da donne; che viene garantito alle donne anonimato e sicurezza.

Il Centro Antiviolenza Linea Rosa fa parte della Rete Regionale e della Rete Nazionale dei Centri Antiviolenza ed opera secondo le finalità, gli obiettivi e le metodologie elaborate dai Centri in Italia.

 

La presente Carta dei Servizi è redatta per evidenziare i servizi e le attività che Linea Rosa svolge quotidianamente.